Gnocchi di borragine con fonduta di parmigiano e gocce di olio al basilico

di Eleonora Masella

gnocchi di borragine

Ingredienti

Per gli gnocchi

500 gr di Patate rosse
500 gr di borragine
200 gr di farina
sale

Per la fonduta

100 gr di parmigiano
100 gr di latte
10 foglie di basilico
50 ml di olio extra vergine di oliva
Ghiaccio
Sale
Fiori di borragine

Preparazione

preparazione gnocchi di borragineMondare e lavare bene la borragine. In una casseruola dai bordi alti, farla lessare in poca acqua salata. Scolare e strizzare bene per eliminare l’acqua di cottura. Passare la borragine al passaverdure. Una volta cotta e passata, il peso della borragine si ridurrà circa alla metà (circa 200 -250 gr).

Lessare le patate, pelare e schiacciatele nel passa patate. Sul piano da lavoro, disporre la farina a fontana, ricavare un buco al centro e versare la borragine e le patate.

Iniziare a lavorare con una forchetta, incorporando man mano la farina, fino ad amalgamare tutti gli ingredienti, ottenendo così un impasto compatto.

Dividere l’impasto e formate dei filoncini che dovranno avere lo spessore di circa 2-3 cm l’uno. Con un coltello ritagliarli in tanti tocchetti che, volendo, possiamo rigare dando la classica forma dello gnocco con l’aiuto di una forchetta; oppure lasceremo così.

Disporre gli gnocchi su un canovaccio o un vassoio infarinato, e cuocerli in acqua bollente per 5-6 minuti e, comunque, fino a quando non tornano in superficie da soli.

Nel frattempo, preparare la fonduta di parmigiano mettendo il latte in un pentolino. Quando il latte sarà caldo aggiungere il parmigiano e lasciarlo fondere fino ad ottenere una crema densa e cremosa.

Prepariamo le gocce di basilico pestando le foglie in un mortaio insieme all’olio extra vergine di oliva, un pizzico di sale. Se preferite usare il cutter aggiungendo un paio di cubetti di ghiaccio.

Impiattare versando alla base del piatto un po’ di fonduta di parmigiano, sistemare sulla fonduta gli gnocchi di borragine, versare qualche goccia di basilico e decorare con qualche fiore della verdura stessa.

Segui Fornelli d’Italia anche sulla pagina facebook https://www.facebook.com/fornelliditalia.it/

No comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *